Ignuda

drènto 'Na bbolla de sapone
Drento ‘na bbolla de sapone

Agliuto… er vento me sta portà lontano da casa. Basta che nun attero su ‘na pianta de rovi. Mo prima che sta bolla de sapone fa pluffe, m’attacco a la coda de st’ucello e pe nun famme male me faccio portà ar mare. Agliuto sto pe fà pluffe… ammazza quant’è freddo sto fiume. Lemme lemme me nisconno dereto ‘n cespujo e dò ‘na smirciata da dereto le foje. Me chiedo
-Chissà indove sò finita?
Ignuda m’aricopro er corpo co ‘na frasca, du regazzini me dicono che so atterrata drento er fiume de Alcantara. Ahò, sò finita ‘n terra de Sicilia. Ammazza quant’è fredda st’acqua. Quarcheduno m’arimedia ‘n abbito, oppuro ‘na foja de fico?
Ignuda

Sdraiata sopra er prato verde
co’ lo sguardo fisso
verso er creato.
La mente mia che vaga
lontano lontano
a quanno l’omo
annava en giro ignudo
e portava pe’ vistito
sortanto la
verde foja de fico.
Sarebbe stato bello
se puro oggi
s’annava en giro
senza er mantello
aricoprì er corpo ignudo
solo co’ verdi
foje de fico.

Cencia (franca bassi)

Annunci

One thought on “Ignuda

  1. Un pezo bellissimo , poetico e riflessivo , frutto della tua grande fantasia , Franca Carissima ! Un utopistico viaggio , come utopistica è quella foglia di fico! Un abbraccio , anche da Laura!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...