Abbete

In onore de l’abbete Spelacchio ve ricconto la storia vera de Aburius

Accosto a ‘na granne montagna (de sti tempi tutta infarinata) sur costone esposto ar sole drento un macchione viveva ‘na sana famija de abbeti. ‘nzomma ‘na bella famija rigojosa e filice inzieme a tutto er parentame. ‘n giorno maledetto arrivò ‘no strano attrezzo, dar fracasso che faceva er celo se spaccò in due! Da le nuvole sortìreno de fora toni e saette.

Er creato in un lampo da giorno se fece bujo e co sta trubbolènza principiò la lenta agonia de Aburius er capo de sta famija de abbeti.

Pe Aburius inizziò er principiò de la su fine. Un viaggio lungo, e prima d’arivà a la capitale ne sta piazza grossa jè toccò puro da respirà l’aria tossica. Pe furtuna che l’angonìa de sto poro arbero antico durò poco.

‘na matina de gelo se fermò accosto all’arbero ‘na vecchia, je girò attorno, un guardamento verzo er celo e co ‘na voce roca dimannò ar granne arbero:

-Bell’arbero tu che sei tanto arto, me dichi da lissù che vedi?

L’arbero se vortò, un guardamento in giro eppoi co quarche corpo de tosse e un paro de sgrullate lassò cadè da le fronne l’urtime palle…

eppoi lemme lemme j’arispose.

-Ahò! Co…co come te…te te chiami?

-Me chiamano Cencia e tu che fai, tartaj? Me dichi er tu nome?

-Me chiamo Aburius. Nun tartajio, sò sortanto malato. Me fa piacere che prima d’annà all’aberi pizzuti, quarcheduno m’ha rivorto la parola. Nun è bello che prima de seppelli sto tronco tutti accosto sparano cazzate. Cè, nun è er vento, er gelo che m’ha spelacchiato le fronne. Tutto è principiato quanno m’hanno portato via da la mi famija e da la montagna, eppoi qui er tossico er rumore de sta città che m’hanno avvelenato l’anima e puro er core. Penzo incora a la mi famija a li monti ndò sò nato e me sò fatto arto e grosso. L’omo è strano, nun lo sa che pe fà bella ‘na piazza pe quarche giorno, ha distrutto ‘n arbero e ‘na famija? Poi p’arisponne a la tu dimanna, da quassù vedo er celo, ma co sto tossico nun è bello! ‘ndò stavo prima er celo era pulito e co la cima la notte facevo er tinticarello a le stelle.

-M’arincresce… te capisco che t’hanno ferito a morte, qui li sentimenti puro tra le perzone se sò perzi. Se sò scordati che puro l’animali e l’arberi cianno er diritto de vive su sta tera.

-Sai Cè, er mi legno pe l’antichi Celti significava progresso, longevità, resistenza, amicizia e rimembranza. Granne capacità de resistenza alle difficoltà della vita.

Inzomma, cresco arto pe vedecce mejo, pe vedè la strada dritta. Ma de sti tempi m’arincresce ditte che er monno è tutto sottosopra e se nun se cammia er reggistro finirà tutto malamente! Nun serve mette l’arberi co le luci brillarelle pe le feste. Quelle servono pe incantà la popolazzione e nisconne le magagne. Se nun stanno ariguardo a forza de tirà la fune primaoppoi je se stucca!

-Aburius, ciai puro un ber nome e sti poracci de spirito t’hanno apostrofato “Spelacchio” senza sapè gnente de te e de tutto quello che fino a mo ciai rigalato. Mo quanno finisco de fà certi lavori pianto ne la terra de Puja e de la Sabina quarche bell’arbero e lo chiamerò “Aburius” pe ricordamme de te. Mo t’abbraccico pe pijà la tu anima e portalla a la larga da sta piazza che co sti spifferi se gela.

-Grazzie Cè, seppoi ciai er tempo porta ‘n abbraccico a la mi famija e dije che sò morto co onorabbilità penzanno a lorantri e guardanno er celo.

Cencia (franca bassi)

Annunci

One thought on “Abbete

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...