Ignuda

drènto 'Na bbolla de sapone
Drento ‘na bbolla de sapone

Agliuto… er vento me sta portà lontano da casa. Basta che nun attero su ‘na pianta de rovi. Mo prima che sta bolla de sapone fa pluffe, m’attacco a la coda de st’ucello e pe nun famme male me faccio portà ar mare. Agliuto sto pe fà pluffe… ammazza quant’è freddo sto fiume. Lemme lemme me nisconno dereto ‘n cespujo e dò ‘na smirciata da dereto le foje. Me chiedo
-Chissà indove sò finita?
Ignuda m’aricopro er corpo co ‘na frasca, du regazzini me dicono che so atterrata drento er fiume de Alcantara. Ahò, sò finita ‘n terra de Sicilia. Ammazza quant’è fredda st’acqua. Quarcheduno m’arimedia ‘n abbito, oppuro ‘na foja de fico?
Ignuda

Sdraiata sopra er prato verde
co’ lo sguardo fisso
verso er creato.
La mente mia che vaga
lontano lontano
a quanno l’omo
annava en giro ignudo
e portava pe’ vistito
sortanto la
verde foja de fico.
Sarebbe stato bello
se puro oggi
s’annava en giro
senza er mantello
aricoprì er corpo ignudo
solo co’ verdi
foje de fico.

Cencia (franca bassi)

Annunci

Saluti

img124

Saluti

Mo sto pe annà
drento er macchione.
Indove l’arberi so pieni de colori.
L’ucelletti piccoletti
zompettano su le fronne
se fermeno e in coro
me cantano ‘na canzone.
Amichi nun lo so
pe Natale e Pasqua ‘ndo sto’.
Vabbè co sto scritto
ve saluto co quarche
ggiorno de anticipo.
E v’abbraccico
co tutto er core che ciò.
Cencia (franca bassi)

Sor Trombetta

er sor trombetta
Sor Trombetta
Sveja sveja…
‘Gni matina co la su trombetta
drento l’orecchio me sveja sta statuetta.
Nun lo vedi che er tempo passa?
Nun te guardi er grugno
drento lo specchio
pe vedè er tempo che passa lesto?
-Falla finita sor Trombetta
lo vedo che er tempo passa sverto!
Puro se l’anni sò parecchi
er ciarvello incora fa faville.
Eppoi che te credi che
passa sverto sortanto pemmè?
Puro a chi se sistema er grugno
e se fa a pagamento quarche cugno
er tempo je passa sverto sverto.

Cencia (franca bassi)

Er Pajaccio

miste 143 [1024x768]

Sto discorzo vale puro pe le femmine. Cencia ha accettato la su vecchiaja. Certe donne s’arovineno er grugno, lassate che le grinze ve fanno compagnia, puro loro fanno parte de la vita. Serena dimenica  a tutti l’amichi de Faccebbucche. ❤

Er pajaccio

Guardà er viso
der pajaccio sur commò?
Lo sguardo triste
poi te fa l’inchino
e ride
sembra che te vo’ di’
ancora te stai a specchia’?
Falla finita
lo vedi sei pùro invecchiato!
e c’hai er capello brizzolato!
‘Sta vòrta la regazzetta
te conviene de lassa’ ‘nna’!
Guardete a lo specchio
guardete bbene
e se a lo specchio nu je credi
guardete la carta d’identità.
Cencia (franca bassi)

Er sole inzieme ar vento

cuba 4556 (2)

Er sole er vento

Ammazza!!
puro stamatina er sole giocherella
ner celo a nisconnarèllo.
Sorte… m’illumina er grugno
e l’ossa me riscalla.
Eppoi senza chiedeme er permesso
se rinisconne dereto ‘na nuvola gricia.
Er vento me pettina
eppoi me spettina li ricci bionni.
Dopo ‘n par d’ore de sto giuchetto
stufa de senti callo e freddo
sbotto… je dico: Aho! sor Sole
la smetti de ruzzà a rimpiattino?
nun lo vedi che me sto arifreddà?
Co ‘na risarella m’arimprovera
m’arisponne er sor Sole:
Sora cocca nun te pija d’aceto
eppoi se nun t’aggrada…
visto che te scallo aggratis
trovete ‘n antro sole pe servitte
mo a me lassame ‘n pace
eppoi che te frega
se vojo giocà ner celo
co le nuvole a nisconnarèllo?

Cencia (franca bassi)

La funtana

IMG_0782
La funtanella sotto casa

Quann’ero ‘na cratura fino a quanno drento l’abbito ce sò cresciuta drento, la pora mi madre a turno de noantri fratelli, ce mannava a pija l’acqua co er fiasco ricoperto de paja a la funtana sottocasa. Quanno me toccava, ero filice de sorti de fora, ‘na scusa pe sartellà a campana su marciapiede de Prati. ‘N coda bona bona aspettavo er turno mentre li schizzi dell’acqua gelata m’arinfrescava li piedi. Eppoi ascortavo quarche vecchia che bisbijava le novità de su rione a la commare de turno:
-La sora Rosetta è nata co la camicia! E l’antra pettegola arzava le spalle sbuffava e co er grugno pieno de indivia j’arisponneva:
– ‘Na camiciola de seta e puro co li merletti!
Me chiedevo co lo sguardo curioso ner mentre ariempivo er fiasco che voleva di “nata co la camicia”.
Mo che l’anni sò volati via de corza gni tanto sta frase m’aritorna drento la capoccia.
Ce sò perzone che faticano a trovà er posto giusto da vivi e puro quanno sò iti a fà la terra pe li ceci. Antri je dice bene quanno sò vivi e quanno sò morti. Certi cristiani rèsteno sempre sospesi, puro se vargono deppiù de antri. Eppoi ce so quelli che sortanto da morti vargono. Regà, me sa che quarcosa nun funziona, oppuro è giusto così? Vabbè nun lo so!
Visto che mo è arivato er callo, dedico sto scritto e ringrazzio li sori Nasoni de Roma.

Er NasoneCerti cristiani
invece de chiammatte
cor nome tuo, sti romani
t’hanno assegnato
sto nome strano “Nasone”
nemmanco t’hanno chiesto
l’approvazzione.
Sei sortanto ‘na funtanella
gentile e bella.
Resti ferma all’angolo sottocasa
sempre pronta pe rigalà gentirmente
a tutti li viannanti l’acqua bona
e un po’ de frescura.
Nun piagne, nun piagne
sinnò t’arifreddi e
te scola er nasone.
-Ahò famme ariempì sto fiasco
e faccio prosit inziene a te
a la faccia de tutte quante
le bottije de prastica.

franca bassi la sora Cencia

Er sole

Immagine 704
immaggine de la sora Cencia

Er sole

Quanno nun è nuvolo
giochi a nisconnerella
fra er fusto e le fronne.
Sei granne granne e
‘gni vorta metti l’abbito
più bbello.
Me fai l’occhietto e
lemme lemme te nisconni
fino ar ggiorno dòppo
dereto l’orizzonte.
Quanno dorce te risveji
accarezzi de core li fiori
e co amore baci e scalli
le pietre de casa mia.

La sora cencia (franca bassi)