Ignuda

drènto 'Na bbolla de sapone
Drento ‘na bbolla de sapone

Agliuto… er vento me sta portà lontano da casa. Basta che nun attero su ‘na pianta de rovi. Mo prima che sta bolla de sapone fa pluffe, m’attacco a la coda de st’ucello e pe nun famme male me faccio portà ar mare. Agliuto sto pe fà pluffe… ammazza quant’è freddo sto fiume. Lemme lemme me nisconno dereto ‘n cespujo e dò ‘na smirciata da dereto le foje. Me chiedo
-Chissà indove sò finita?
Ignuda m’aricopro er corpo co ‘na frasca, du regazzini me dicono che so atterrata drento er fiume de Alcantara. Ahò, sò finita ‘n terra de Sicilia. Ammazza quant’è fredda st’acqua. Quarcheduno m’arimedia ‘n abbito, oppuro ‘na foja de fico?
Ignuda

Sdraiata sopra er prato verde
co’ lo sguardo fisso
verso er creato.
La mente mia che vaga
lontano lontano
a quanno l’omo
annava en giro ignudo
e portava pe’ vistito
sortanto la
verde foja de fico.
Sarebbe stato bello
se puro oggi
s’annava en giro
senza er mantello
aricoprì er corpo ignudo
solo co’ verdi
foje de fico.

Cencia (franca bassi)

Annunci

Novi arivi

IMG_1767

A la casa de pietra so arivati du novi inguilini, Gujermo e Margherita. Nel pollaro quanno ariva quarche novo inguilino, pe trovà er posto se fa’na gran canizza. Volono nell’aria ‘na nuvolata de piume er galletto, cerca de mette ordine, ma nun è facile da solo tenè abbada tutto er pollaro. Mo pe quarche giorno me nisconno e cerco de vedè la reazzione prima de pija quarche decisioni. Cencia

La funtana

IMG_0782
La funtanella sotto casa

Quann’ero ‘na cratura fino a quanno drento l’abbito ce sò cresciuta drento, la pora mi madre a turno de noantri fratelli, ce mannava a pija l’acqua co er fiasco ricoperto de paja a la funtana sottocasa. Quanno me toccava, ero filice de sorti de fora, ‘na scusa pe sartellà a campana su marciapiede de Prati. ‘N coda bona bona aspettavo er turno mentre li schizzi dell’acqua gelata m’arinfrescava li piedi. Eppoi ascortavo quarche vecchia che bisbijava le novità de su rione a la commare de turno:
-La sora Rosetta è nata co la camicia! E l’antra pettegola arzava le spalle sbuffava e co er grugno pieno de indivia j’arisponneva:
– ‘Na camiciola de seta e puro co li merletti!
Me chiedevo co lo sguardo curioso ner mentre ariempivo er fiasco che voleva di “nata co la camicia”.
Mo che l’anni sò volati via de corza gni tanto sta frase m’aritorna drento la capoccia.
Ce sò perzone che faticano a trovà er posto giusto da vivi e puro quanno sò iti a fà la terra pe li ceci. Antri je dice bene quanno sò vivi e quanno sò morti. Certi cristiani rèsteno sempre sospesi, puro se vargono deppiù de antri. Eppoi ce so quelli che sortanto da morti vargono. Regà, me sa che quarcosa nun funziona, oppuro è giusto così? Vabbè nun lo so!
Visto che mo è arivato er callo, dedico sto scritto e ringrazzio li sori Nasoni de Roma.

Er NasoneCerti cristiani
invece de chiammatte
cor nome tuo, sti romani
t’hanno assegnato
sto nome strano “Nasone”
nemmanco t’hanno chiesto
l’approvazzione.
Sei sortanto ‘na funtanella
gentile e bella.
Resti ferma all’angolo sottocasa
sempre pronta pe rigalà gentirmente
a tutti li viannanti l’acqua bona
e un po’ de frescura.
Nun piagne, nun piagne
sinnò t’arifreddi e
te scola er nasone.
-Ahò famme ariempì sto fiasco
e faccio prosit inziene a te
a la faccia de tutte quante
le bottije de prastica.

franca bassi la sora Cencia

Pe nun scojonamme

Immagine 066

La dimenica

Quanno nun so in campagna a commatte co l’animali, a la casa de città me devo inventà quarcosa pe passà er tempo. Regà mo so le nove de la matina, l’aria è puro frizzantina, un guardamento ar piccì eppoi pe nun scojonamme metto in moto er ciarvello e invento quarcosa. Drento er frigo ciò quarcovo de papera, ahò sepete che ve dico? mo ce faccio du fettuccine. Cencia storce er naso e me dice: Ma nun piji pace? fermete su sto sofà e ariposate l’ossi. M’arincresce ciò tanto tempo fe fermamme, mo famme move er corpo me pare che se me movo me sento mejo. Cencia nun borbottà e annamo a fa ste du fettuccine. franca inzieme a Cencia ve salutano e abbraccici forte a tutti l’amichi der brogghe. ❤ ❤ ❤

Quanno…..

DSCN6436
Cencia, quanno me vede che m’ammoscio me fa er caffè drento sta machinetta nova. Pe la cammera se sente già l’odore bbono che t’ariempe er core. Pe fallo bbono è’n’arte e solo Cencia c’ariesce. Ahò se volete favorì mannateme un cenno. Abbraccico forte ❤ ❤

La curtura

Immagine 1311

La curtura

L’arte è ‘n mistiere de creazzione che pole dà puro tanto da lavorà.
E pe la curtura dìcheno che nun ce sò ppiù li sòrdi.
Se la difennemo, la curtura ce porta li quadrini. Regà mesà che certi potenti nun l’hanno incora capito o je fa commido fa finta de nun capì. Pe protegge er patrimonio che ciavemo bisogna curallo, amallo e protèggelo, no dallo via. Ce sò perzone che ce crèdeno e difènneno la curtura. Eppoi ce sò certi che a la curtura se divertòno a faje ‘na sorta de tortura. Pe antri se perde sortanto er tempo. Pe certiantri co la curtura, nun ce s’ariempe la panza. Pemmè è diferente, me c’ariempo er core, l’anima e la panza. Nun aspettamo che arìveno li quadrinosi furistièri che zitti zitti se compreno er Culisseo, San Pietro co tutto er colonnato e puro er Cibborio. La sora Cencia (franca bassi)
copertina

La sora Cencia è ita ar cìnema

Immagine

Immagine 647
Da regazzina annavo sempre ar pidocchietto accosto a casa. L’inzogno mio er de fa li firme, ma me so perza pe la strada. Perciò pe er firme:La granne bellezza….
Oggi ho visto er firme de er sor Sorrentino. Inzomma, quer firme quello che janno dato l’oscare. Regà, me pare de vedè quarche somijanza co er poro sor Fellini. E pare che drento sto firme ce sta ‘na ricca società che mentre bàlleno, màgneno e se spòjano, inzomma pare che se divèrtono… tutto er contrario: sò abbastanza scojonati. La Roma de sto firme linda, pulita, misteriosa, sortanto ner li firme se pole vedè. ‘Na Roma senza le buche e senza la monnezza sortanto de notte se poteva girà. A noantri poracci che giramo su l’autobbusse e in giro de notte ce annamo pe guadagnasse er pane inutile mostracce sti soggetti. Ce fa rode vedelli puro scojonati. Eppoi ce mostrano case de lusso! Noantri solo se c’annamo a servizzio ce potemo entrà ne la casa co er terazzo che affaccia sur Culosseo. Oppuro se pe sbajo quarcheduno che ce l’intesta senza che noantri lo sapemo. La musica pole esse puro bella, ma nun ce scordamo che quanno la sera se ariva stracchi a casa ce serve sortanto er bujo co er silenzio pe ariposà la capoccia co er ciarvello pe godesse quarche attimo de serenità. Allora sto firme è sortanto un documentario pe quelli che nun cianno probbremi de sordi. Pe Roma, la città eterna, puro se co la monnezza ce saranno sempre li stranieri a faje ‘na visita. Pe quelli che se spèrdono a fà bisboccia, armeno che nun se facèssero venì le crisi esistenziali e depressive. Aricordàmoce che ne sta città ce sta morto da vede e nun la rovinamo co le scene farze de li firme, puro se ce sò attori bravi. Mostramo la verità de la maggioranza! Noantri che ce stanno a levà er sangue gni matina, che ce frega der ricco che se fa de cocaina. Indò stanno li firme in bianco e nero de li tempi der realismo?
Vabbè ‘gni perzona pole di quello che je pare.
La sora Cencia (franca bassi)