Classificata a: Speciale infanzia 2014

Immagine

Copione teatrale: “La pietra de la tavola de la cucina”

“Il copione offre spunti di riflessione importante tra cui la messa a fuoco di un aspetto che ha lo spessore di una lunga storia: il significato e il valore dei dialetti.”
Copione teatrale in romanesco
“La pietra de la tavola de la cucina” (3 atti)

Atto I

Personaggi:

La sora Cencia
La regazza Ervira
La Pietra
Pasquino er narratore

Scena:
Ner proscenio, statua de Pasquino co tanti fojetti co satire in verzi a li piedi e ar collo.
(La statua se tramuta in omo, principia a legge le pasquinate e ce trova puro ‘n ricconto strano che lo incuriosice…)

Pasquino:
‘Na casa ner còre de Roma.
A li tempi de Checch’e Nina, pe li vicoli le perzone piucchemmài la vita se la vivèveno ‘n mezzo a la strada, inzomma ereno stradaroli. Ce se conosceva, ce se agliutava e da le finestre se sapeveno li fatti de l’antri e puro tante storiacce finite male.
Er sor Marchese der Grillo, sarvognuno, è mejo lassallo perde, sennò ce fa rimponé la giornata.
Li nobbili lassamoli stà indò stanno ch’è mejo pe noantri.
Sto ricconto nun parla de la nobbirtà ma de li poracci.
Quarche strada ciaveva li sampietrini, antre sortanto tera, che quanno pioveva se tramutava in mollacchia. E sto ricconto se svorge pe li vicoli poveri de Roma.
Ne li vicoli ce staveno le botteghe: l’abbacchiaro, er carbonaro, er forno, er carzolaro, er sarto, er funaro, er sediaro… vabbè, eppoi tanti mistieri che se faceveno puro in mezzo a la strada. Sortanto li bajocchelli ne le saccocce nun cèreno.

Scena:
‘Na cucina, co la mobbija povera: ‘No sciaquattore de pietra co du brocche, ‘na callara, du fornacelle, ‘na tavola co er piano de pietra, du sedie de paja, un cesto co un po’ de frutta, un credenzone co drento tazze,  scodelle e cucchiarelle mezze abbruciate. Un commò co cataste de libbri sopra. Accosto a le fornacelle un piccolo camino.
‘Na finestrella che s’affaccia sul cortile co le tennine e li gerani rossi.
All’angolo ‘n paro de pertiche utili a la sora Cencia, che le metteva de fora a la finestra appoggiate ar davanzale de la vicina pe stenne er bucato e fasse ‘na chiaccherata.
‘Gni tanto quarchiduno bussa er patocco de fero de la sora Cencia.

Cencia:
Mo chi è che bussa, abbasta che nun cercano li bajocchelli, quelli damò che so finiti!
(La sora Cencia se arza da la sedia de paja, ner mentre s’aregge ar tavolinetto, poi sale du scalini, se sporge a la finestra e guarda de fora)
Cencia:
Se pole sapè chi è? Eppoi parlate forte, che sò diventata un cinichello sorda.
Ervira:
Sora Cè sò io, Ervira, la fija de Rosa. Mi madre ha fatto du gnocchi co du sarcicce de Vetralla, che ve ce vanno?
Cencia:
Ervì, accomidàteve! Ma che dimanne me fate? sti gnocchi arìveno giusti giusti, so du ggioni che diggiuno e me magno sortanto un cartocceto de fusaje, quarche bruscolino e un po’ de pancotto la sera, eppuro senz’ojo. Grazzie, certo che li gradisco, ma come me posso sdebbità co te e tu madre? chiedete, chiedete…
Ervira:
Se ve fa piacere dimènica doppo la messa m’accompagnate fori porta? Devo annà a trovà Toto er mi regazzo, sinnò mi madre nun me ce manna da sola, e de voi se fida. Mi madre nun me pole accompagnà, se stracca. Eppoi mo che semo in primavera arisente der polline e se sente strana. Un giretto pe li prati mica ve fa male. Seppoi trovamo du fojette de cicorietta, dimani ce la famo aripassata in padella co ‘no spicchio d’ajo, peperoncino e co le sarcicce che me so’ avanzate, sora Cè mica le potemo fa guastà? Eppoi se a Toto jè avanzato quer vinello frizzantino dorce ce famo puro rigalà un fiasco. Ce viene a pija a Testaccio co er caretto, poi ce porta a la vigna sua.
Eppoi sora Cè, pe merenna du mostaccioli appozzati drento ‘n bicchiere de vinello, ar fresco sotto er pergolato. Che dite, ce lo famo? Inzomma, ve va d’accompagnamme? Me scordavo, portate un libbro, armeno noantri che semo anarfabbeti approfittamo, ce leggete quarcosa de bello. Sora Cè, me piace un frego quanno leggete li ricconti. Anzi famo così, io ve porto quarcosa de bbono da magnà e voi me leggete quarcosa che avete scritto quanno eravate regazza. Seppoi ce la fate me imparate a legge e a scrive. Accusì quanno Toto parte a fà er sordato, je posso puranche scrive quarche lettera d’amore.
Cencia:
Ervì, abbasta che nun me fate aregge er moccolo. Me piacerebbe un frego famme ‘na bella scampagnata fori porta. Me metto le cioce, così nun me fanno male li piedi e co quelle ce posso puro cammina tutto er giorno.
Ma questo è un antro rigalo, gli gnocchi, la scampagnata. Venite… venite quanno ve fa còmmido. Ervi, sete ‘na rigazza volenterosa e fino a quanno me sona la ritirata ve faccio scola volentieri.
Pasquino:
Senza rendersene conto la sora Cencia da vecchia, aveva trovato un lavoro, ‘na sorta de bazzarro. Inzomma Cencia poteva arisardà er conto, pe tutte le pietanze bbone de la sora Rosa e le scampagnate che avrebbe fatto co la fija.
Ervira:
M’ariccomanno pe Dimènica nun pijate impegni e nun ve scordate er libbro.
Cencia:
Ervì ma che me cojonate? mica sò ‘na regazza che ciò li spasimanti che me pòrteno a zonzola. Pe er libbro mo lo preparo sur commò accusì nun me scordo.

Atto II

Scena:
S’è fatta l’ora der vespro, Cencia se mette seduta, accosto ar foco, attizza er ciocco, co la paletta de fero pija un po’ de brace e la mette ne la fornacella. da la brocca verza un po’ d’acqua ner buzzico pe fasse un po’ de pancotto. Su la sedia vota ce sta er micio che dorme.

(Ne la cucina se sente ‘na voce)
La Pietra:
Ahò!
(Cencia se vorta e nun vede nisuno, arisente la voce s’arivorta ma nun vede anima viva).
La sora Cencia:
Ma che sò l’anni che me fanno brutti scherzi?
(Cencia s’accòmmida su la sedia de paja de fronte a la tavola co la pietra de marmo bianca. Co pazzienza aspetta che l’acqua bolle e gni tanto pe fà aripijà la brace sventola accosto a la fornacella. Pe un attimo tutto accosto è quieto, eppoi ‘se sente na voce forte e stizzosa)
Pietra:
E’ ora de finilla co sti ranghi strani.
(La sora Cencia fa un sarto, je cade la ventola da le mani, se guarda accosto e a la larga)
Cencia:
Ma chi cavolo cè drento sta cucina? Sorti de fora lazzarone, indove te nisconni? Se nun sorti mo pijo er mattaretto e te pijo a tortorate.
Pietra:
Dimanno scusa sora Cè, m’ariccomanno nun strillà, sinnò fai sveja tutto er vicinato. Sò io, la pietra de la tavola che te sta de faccia! Nun me vedi? Nun te sconfifferà che vojo fà du chiacchere pur’io co te. Parli co er sor Arturo er tavolo granne, co Genzianella er tavolino de la machina da cucì, loro nun so mica mejo de me. Mo lo sai che vojo pur’io parlà co te? Vojo precisà sora Cè, armeno io te servo a quarcosa, ma loro drento ‘sta casa fanno sortanto bella mostra. Nun te scordà che quì de sopra a sta pietra tutti li santiggiorni ce fai li commodacci tui.
Pasquino:
La sora Cencia mortificata der rimprovero s’aggiusta er zinale e beve un bicchire d’acqua s’aripija da lo zompacore.
Cencia:
M’arincresce, nun lo sapevo che volevi parlà commè, mo t’accontento. De che voi parlà, de pietanze? Caschi male, nun ciò più la voja de falle, eppoi drento sta casa ce sta er pane tosto, un sacchetto de farina e quarche brocca d’acqua. Se nu fusse pe la sora Rosa, me scorderei puro de magnà.
Pietra:
Sora Cè, abbasta che nun me fai er piagnisteo de la vita che va male e che nun ce sò li bajocchelli. Mo lo sai che pur’io posso chiaccherà, anzi capa un nome e m’ariccomanno sceji bbene. Nun trovà quei nomi farzi, vojo un nome tosto! Eppoi, co tutti sti libbri che t’aritrovi, mica è dificile trovà quarcosa degno pemmè.

Atto III
Pasquino:
La sora Cencia s’è arza e pija un libbro da sopra er commò e principia a guardà pe trovà sto nome. Nun je piace scontentà la pietra.
E drento la capoccia se cominciono a intreccià nomi romani, nomi stranieri, nomi gitani, mica è facile trovà sto nome.
A la sora Cencia pija incora un antro libbro ma gnente, ma pe la porvere je cominceno a lagrimà l’occhi e principia a stranutì. Chiude er libbro e ner frattempo controlla se l’acqua drento er bùzzico bolle.
Cencia:
Sora Pietra, pemmò ho sfojato tante paggine e nun ho trovato gnente che me piace, m’arincresce mo devo smette me devo fà un po’ de pancotto sinnò finisce la brace.
Pietra:
Vabbè sora Cencia, damò che aspetto, mo fino a dimani posso puro aspettà!
Pasquino:
Passa un giorno, passa un antro e la sora Cencia incora sto nome da drento la capoccia nun jè sortito de fora. Nun vole sbaja, vole fa bella figura co er tavolo de la cucina.
Cencia:
Dimanno scusa pe er ritardo, sò stata dar dottore e nun ciò avuto er tempo de sfojà li libbri. Er nome nun l’ho incora trovato. Se me voi riccontà quarcosa de te, armeno me pole venì quarche idea.
Pietra:
Che te posso ariccontà de la vita dura che ho fatto? Ma a che te serve? Eppoi da quarche anno che t’osservo e me pare che puro a te nun t’ha detto morto bene. Quello che me piace de te è che m’hai fatto sentì odori bboni. Sei delicata quanno lavori, nun fai cagnara. Nun me fà aricordà l’urtima osteria che so stato tutte le sere, l’òmmini che se imbriacaveno e scommetteveno co le carte e a morra, nun te ripeto le parolacce grasse che volàveno. Eppoi la puzza der vino. Quer por’oste co lo strofinaccio me ripuliva da le sbavate.
Cencia:
‘N quale osteria de Roma stavi?
Pietra:
A Borgo Pio dar sor Pietro.
Cencia:
Nun ce posso crede, er mi poro babbo ce annava ‘gni tanto a fasse ‘na fojetta. In che anno ce sei stato?
Pietra:
Mo sò parecchi anni, me pare che era la fine dell’ottocento o li primi der novecento, poi quarchiduno m’ha portato via da drento l’osteria. Un omo grasso co la barba e la su moje cianno caricato su un caretto inzieme a du commodini e ‘n materazzo de foje de pannocchie. Eppoi s’è fatto notte, nun m’aricordo la strada. Me pare che ce semo fermati a pija du damiggiane d’acqua a ‘na bella funtana granne de marmo. M’è arimasta ner core quanno l’ho vista e ho riconosciuto er brocco de marmo. Era lo stesso brocco che cianno fatto la statua centrale, io ero lo scarto. Eppoi co l’anni nun so quante botte ho preso su ‘sto piano. Le sore coche co la battilarda faceveno er battuto de sèllero, cipolle e lardo. Ero un piano più grosso poi me sò spaccato e sò sortito fora io inzieme a un piano pe un commidino. Ahò, m’ha detto bene, quer poraccio der commidino drento lo sportello ce stava er pitale.
Cencia:
T’aricordi quanno sei nato?
La Pietra:
Ma che dimanna me fai? Nun se ponno contà l’anni, der marmo. Quanno ce scàveno come se fa a contà quanti anni de vita che cià la montagna? M’aricordo ammalappéna de quanno ero in cima ar monte, che bello quasi che toccavo er creato. Quanno er celo se faceva nero avoja acchiappà saette e toni. Cè, che stretta! Certo, nun sò un marmo de prima scerta, sò venato e pe questo sò un marmo comune, puro che sò bianco co le venature grigge. Ma sò istesso un ber pezzo de marmo. Ma epperchè m’hai scerto e quanno er sor Attilio er sediaro t’ha fatto la tavola tu ciai voluto a me de sopra? Nun lo senti er freddo quanno te ce appoggi?
Cencia:
T’ho scerto epperché duri ner tempo. M’aricordo quanno la mi pora nonna Betta ce impastava e pe famme sta bona me dava un pezzo de pasta e io giocherellavo a facce le pupazze. Pemmè li ricordi belli me tòrneno a la mente e m’agliùtano a vive ‘sta vita dura.
Vabbè, mo tornamo ar nome io ho scerto sti tre: Lucio, Augusto e Gaio. Spero che sò de gusto tuo.
Pietra:
Me piace Augusto! Secoli addietro, quanno ero un piano più grosso me trovavo drento ‘na “Domus” ed ero a bella mostra, sto nome “Augusto” lo sentivo spesso, nun m’aricordo bene se era er padrone de casa oppuro un servo. ‘N quer tempo me trovavo ‘n un patio co vista ar Mare. Se parlava diferente, me pare ‘n latineria. Quanta cagnara che ciò, de le vorte m’aricordo a la larga, certe antre m’aricordo accosto. Allora ero ‘na pietra granne e mo so ‘na pietra piccola.
Cencia:
Vabbè Agù, mo vado a riposà l’ossa, dimane vojo fa un dorce pe Ervira. Eppoi je vojio ariccontà de te.
Pasquino:
Cencia se sente bbene, mo cià ‘n novo amico, ‘n lavore e puro er magnà sicùro. Lemme lemme se arza da la seggiola, accarezza la pietra, pija er micio se ne va a dormì finarmente senza fame.
Mo pur’io posso rimontà su er piedistallo e addiventà omo de pietra. Sinnò sti romani le pasquinate ‘ndò le attaccheno?

La sora Cencia (franca bassi)

Annunci

One thought on “Classificata a: Speciale infanzia 2014

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...