Er sor Giggetto

Immagine 1037

Er sor Giggetto

Quanno ‘gni ggiorno
m’affaccio a la loggètta
vedo passà er sor Giggetto.
Me pare che sto por’omo
s’ariccoje co er cucciarino.
Traccheggia e a fatiga
s’accòmmida drento l’abbito
conzumato e scolorito
‘na canestra d’ossa.
Su la capoccia cià ‘na pajetta
de color der prato sbiadito.
Su la giacchetta sfoggia ‘na decina
de medaje aruzzonite.
Borbotta… traccheggia e je sorte
puro quarche parolaccia…
incora sèguita a borbottà
arzanno de scatto le braccia verzo er celo.
Da dereto l’arberello de limone
co la mano je manno un saluto
Giggetto se vorta, me guarda
io je sorido e je dico:
-Giggè, sta bbono nun smoccolà!
La vita nun è ‘na bufala
è istesso bbella da vìvela!
Puro se li signori t’hanno obbrigato
a fà er giuchetto de la guera.

La sora Cencia (franca bassi)

 

Annunci

3 thoughts on “Er sor Giggetto

  1. La foto della casa mi ha fatto rivivere momenti della mia infanzia, i tuoi versi sono sempre speciali e io ti auguro una splendida settimana! Un abbraccio Franca carissima!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...