‘Na romana

Er Culisseo

Er Culisseo


‘Na romana strana

M’arincresce se nun sò romana
come se dice de sette generazzioni.
Regà… epperò me ce sento!
da la capoccia a la punta de le scarpe.
Sò anni che da sola provo
puro a mijorà.
Inzomma me piacerebbe sarvà sta lingua
drento ce trovo le radici de Roma bella.
Ho fatto er primo strillo
e respirato l’aria bbona de l’urione Prati.
Ho ruzzato pe la strada
ne li vicoli de Borgo e Panico.
‘Na vorta se faceva er picchenicche
su le rive de fiume
e puro er bagno co le mutanne de lana.
Ho riccorto er trifojo
ar primo e seconno prato
de le mure der vaticano.
Er colonnato de san pietro
bono pe fa nisconnarèllo.
Quanti ricordi….
li primi amori affacciata
a la loggetta?
Er core me batteva forte
istesso a quanno m’arampicavo
drento la palla dorata der cuppolone.
Accidente!
nun vojo continuà a riccontà
lasso a voiantri la fantasia
de vedè incora sta regazzina
core su li sampietrini
co l’occhi curiosi
pe la vita e pe er creato.

La sora Cencia (franca bassi)

Annunci

5 thoughts on “‘Na romana

  1. Sempre belle le tue parole Franca. Peccato che, quando sono un po’ stanca, non leggo perchè faccio fatica col tuo vernacolo, ma tu fai molto bene a conservarlo. Un abbraccio.
    paola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...