Immagine 031
immaggine de franca
Me devo decide…

A Roma quanno
quarchiduno nun capisce
se dice…
“che sei de coccio?”
Vabbé, se scoccìa er vaso che se rèdita.
Se rompe la capoccia quanno
fai ‘n’ inciampicone.
Se sfracassa puro la machina
quanno nun freni e trovi er muro…..

-La sora Cencia:
Regà, mo er piccì mio se ribbella
m’ha detto che vole annà ‘n penzione.

-Er sor Piccì:
Ahò, co sto martellamento
su la tastiera so ‘na decina d’anni
che me piji de pètto notte e giorno.

-La sora Cencia:
Ho provato a fatte du carezze
t’ho fatto puro ariparà
ma nun è servito a gnente.

-Er Picci:
Allora sei proprio de coccio
incora nun l’hai capito
che ciò l’anni e sò acciaccatello?
Te dico falla finita, nun vedi
è ora che me sona la ritirata?
M’arincresce pettè, sora Cè
tròvete ‘n’ antro piccì novo.
Eppoi se nun t’aggrada
aripija er fojo e ariempi
co l’inchiostro er calamaro.

La sora Cencia rassegnata:
-Vabbé! mo ho capito
che tutto principia e
tuttoquanto cià ‘na fine.

La sora Cencia (franca bassi)
Cari amichi se pe ‘n po’ de tempo nun me vedete sapete epperché

Annunci

2 thoughts on “

  1. Carissima Franca o, il tuo colloquio in romanesco col tuo pc, che si è stancato , è simpaticissimo! Po esse che il micio sbiadito te lo rimetta in funzione? Scherzo , mia cara , ma mi dispiace di questa difficoltà ! Un abbraccio anche da Laura!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...