Calamità

cuba 4547
immaggine de franca
Li tifoni, le bombe d’acqua e l’alluvioni… me pare da ricorda che quanno ero ‘na regazzina sti casini c’èreno ma no tutti li ggiorni. Mo li disesti se fanno sentì e làsseno er segno profonno.
Quanno cè er sole pole uscì er tempaccio.
Er crima prenne le creste, noantri lo sapemo bbene l’origgine e la corpa indove sta.
Stanotte nun so l’ora, ma un botto strano m’ha svejato, eppoi le sirene de le machine se sò messe a sonà. Me credevo che era schioppata ‘na bomba istesso la guera, eppoi silenzio….. Mortissimi felònimi strani ce stanno accosto, semo stati bòni a riduce la tera in ‘n sito piricoloso pe vive. Mo vedemo tutte quante le nostre malefatte venì a galla.
Rigà, semo puro in ritardo, ma se volemo sarvà er sarvabbile dàmoce ‘na smossa pe arimedià lo sfragello che avemo fatto.

‘N bucio

M’aricordo…
quanno ero ‘na reagazzina
la mi pora nonna
me metteva l’ago co er filo
e ‘n ovo de legno ‘n mano
e me diceva:
Regazzì…
sto pedalino cià ‘n bucio
rinnaccia se nun voi
che tutto er piede
sorte de fora.
‘N guardamento ar bucio
e bbona arimediavo
a la mejo er pedalino.
Regà, puro er bucio
che ciavemo ner creato
devesse arinnacciato.

La sora Cencia (franca bassi)

Annunci

3 thoughts on “Calamità

  1. Carissima Franca , bello l’esempio del calzino bucato da ricucire con l’ovo di legno! Ma con tutti i danni fatti alla natura hai voglia a mette pezze! Ma il tuo contributo poetico è come sempre di guida! Un abbraccio forte!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...