Bon comprianno

img159

Stammattina  so ita sur brogge, ‘do scrivevo quarche anno dereto. Ho preso sto poste pe fà l’aguri a Laura (Briggida).  Me piace sto poste vecchio, gni tanto torno dereto visto che se pole fà sortanto così! Peccato! che la vita nun ce permette de fallo ne la reartà.  Le  situazzioni se modificano in male e puro in bene. Quanno ho scritto sto poste ce stava la  incora er micio Muffa e la cagnola Girda. Vabbè! mo ce sò tanti micetti,  antre pollastrelle galletti novi eppoi la cagnola Vesta er cagnolo nero nero de nome Spettro. Ma la notizzia più bbella che fra quarche mese ariva  sur tetto la cicogna.
Bon comprianno.

‘Gni ggiorno ariva er comprianno de quarchiduno, oggi tocca a la sora Briggida.
Ce sò quelli d’aricordà e antri è mejo da scordà.
Sto bijetto de bonugurio è da parte de l’amichi animali de la casa de pietra, la sora Girda la cagnola de razza, Ciammellina la micia trovatella, er sor Muffa, ossia er micio dar colore sbiadito.
Sta vorta ciamanca la pora micia Mucchetta l’educanna.
La vita de le vorte ce ariserva notizzie bone e puro quarcheduna bòja. Vabbé, ‘gni medaja cià er dritto e puro er roverzo.
Venimo ar comprianno de la sora Briggida.
Io Girda je chiedo rimissione pe tutti li stracci colorati che jò aruvinato (la corpa è sortanto de li dolori a la ganassa). Provedo!
Io Ciammellina lo so che quanno caco tanfeggio la cammera e tutto er contorno, vabbé t’arigalo li sali odorosi pe’ smorzà la puzza.
Io Muffa me dichi che nun rido spesso e ciò er guardamento cipresso. Ma che te sei scordata le pecette che ho dovuto patì quanno ero ‘n micetto de primo pelo? Prometto che t’arigalo ‘n guardamento filice, puro se ciò incora drento er core e ne le recchie er pianto de mì sorella la micietta gricia, morta ammazzata e li gnavolii de la pora Mucchetta avvelenata. Quanno sò venuto ar monno, c’era er sole e m’acredevo che le perzone èreno bbone, invece spesso ce arimediamo sortanto zampate sur groppone. Ner monno de l’animali se commatte ma pe antre raggioni, ner vostro se magna tutti li santi giorni pane e crudertà. Ce sò perzone che nun c’arispètteno, invece de dacce quarche carezza c’ammollono tortorate.
Sora Briggida, lo sapemo che drento sta casa de pietra ce volete tutti un frego de bene ma, mica semo ‘n crausura a la nostra libbertà nun c’arinunciamo!
Inzomma oggi tutto er gruppo inzieme a le sore pàpere, le gallinelle che t’arigrazziano pe er cammio der pajericcio co l’ovetto fresco, er sor Geco niscosto drentro le mura, te famo l’aguri pe ‘n bonissimo comprianno.
Me scordavo, puranche la sora Cencia t’aricorda e te conzija de nun fà la piccosa che la vita è bella e va presa co er soriso sur grugno, intanto se te incazzi te fà sortanto male.
Da parte de Girda, Ciammellina, Muffa le papere, le gallinelle er sor Geco e puro la sora Cencia

Mercordì sei der mése de novèmmre de l’anno2013
Francesco
Immagine 648
Immagine 687

Annunci

3 thoughts on “Bon comprianno

  1. Bellissimo biglietto di auguri dei tuoi amati abitanti della casa di pietra , Franca carissima! Sempre più ti immagino un Trilussa al femminile! Complimenti per le foto ed un abbraccio anche da Lauretta!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...