‘Na funtanella

Immagine 041
La funtanella sotto casa

Quann’ero ‘na cratura fino a quanno drento l’abbito ce sò cresciuta drento, la pora mi madre a turno de noantri fratelli, ce mannava a pija l’acqua co er fiasco ricoperto de paja a la funtana sottocasa. Quanno me toccava, ero filice de sorti de fora, ‘na scusa pe sartellà a campana su marciapiede de Prati. ‘N coda bona bona aspettavo er turno mentre li schizzi dell’acqua gelata m’arinfrescava li piedi. Eppoi ascortavo quarche vecchia che bisbijava le novità de su rione a la commare de turno:
-La sora Rosetta è nata co la camicia! E l’antra pettegola arzava le spalle sbuffava e co er grugno pieno de indivia j’arisponneva:
– ‘Na camiciola de seta e puro co li merletti!
Me chiedevo co lo sguardo curioso ner mentre ariempivo er fiasco che voleva di “nata co la camicia”.
Mo che l’anni sò volati via de corza gni tanto sta frase m’aritorna drento la capoccia.
Ce sò perzone che faticano a trovà er posto giusto da vivi e puro quanno sò iti a fà la terra pe li ceci. Antri je dice bene quanno sò vivi e quanno sò morti. Certi cristiani rèsteno sempre sospesi, puro se vargono deppiù de antri. Eppoi ce so quelli che sortanto da morti vargono. Regà, me sa che quarcosa nun funziona, oppuro è giusto così? Vabbè nun lo so!
Visto che mo è arivato er callo, dedico sto scritto e ringrazzio li sori Nasoni de Roma.

Er Nasone

Certi cristiani
invece de chiamatte
cor nome tuo, sti romani
t’hanno assegnato
sto nome strano “Nasone”
nemmanco t’hanno chiesto
l’approvazzione.
Sei sortanto ‘na funtanella
gentile e bella.
Resti ferma all’angolo sottocasa
sempre pronta pe rigalà gentirmente
a tutti li viannanti l’acqua bona
e un po’ de frescura.
Nun piagne, nun piagne
sinnò t’arifreddi e
te scola er nasone.
-Ahò famme ariempì sto fiasco
e faccio prosit inziene a te
a la faccia de tutte quante
le bottije de prastica.

franca bassi la sora Cencia

Annunci

3 thoughts on “‘Na funtanella

  1. Carissima Franca , all’Aquila non avevamo le fontane col nasone e di antico pregio! Però da ragazzino c’era una fontanella di acqua di una freschezza unica e …dai la fila coi fiaschi! Ovviamente , era anche l’occasione per conosce qualche bella ragazzina!! Un abbraccio fortr forte! Lucio

  2. Quante code alla fontanella, ed ero piccola in tempo di guerra….. le mani si gelavano e dovevo reggere bene il fiasco altrimenti mi sfuggiva dalle dita e d’inverno erno geloni assicurati ……ma d’estate che bellezza quell’acqua ghiaccia e buona…altro che frigorifero!!!!

  3. Uno dei più grandi, conosciuti e cantati classici della canzone napoletana, composto da Pisano- Cioffi, nella stupenda ed impareggiabile esecuzione di Claudio Villa. NA SERA ‘E MAGGIO Pisano – Cioffi Quanno vien’a ‘appuntamento guarde ‘o mare, guard”e ffronne, si te parlo nun rispunne, staje distratta comm’a che. Io te tengo dint”o core, sóngo sempe ‘nnammurato ma tu, invece, pienze a n’ato e te staje scurdanno ‘e me… Quanno se dice: “Sí!” tiènelo a mente… Nun s’ha da fá murí nu core amante… Tu mme diciste: “Sí!” na sera ‘e maggio… e mo tiene ‘o curaggio ‘e mme lassá! St’uocchie tuoje nun só’ sincere comm’a quanno mme ‘ncuntraste, comm’a quanno mme diciste: “Voglio bene sulo a te…” E tremmanno mme giuraste, cu na mano ‘ncopp”o core: “Nun se scorda ‘o primmo ammore!…” Mo te staje scurdanno ‘e me… Quanno se dice: “Sí!” tiènelo a mente… Nun s’ha da fá murí nu core amante… Tu mme diciste: “Sí!” na sera ‘e maggio… e mo tiene ‘o curaggio ‘e mme lassá! Tu mme diciste: “Sí!” na sera ‘e maggio… e mo tiene ‘o curaggio ‘e mme lassá?!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...