Er sabbito e la dimenica

Immagine 636

Er sabbito e la dimenica de Cencia

Jeri sabbito, ho fatto er muratore, la facchina e spostato la mobbija. Nun so ita nemmanco a la casa de pietra p’aripossamme e stà co l’amichi mi’. Sti pori animaletti pe fine settimana m’aspettano pe famme le feste.
Oggi è dimenica, pe finì de sistemà la mobbija e li quadri me so fermata a la capitale. Mo puro er picci nun va.
Regà me so armata, ho messo er cortello in mezzo a li denti e ho detto o c’ariesco o butto er picci da la finestra!
Co er cortello ho sollevato er tasto malefico e co’un pò de colla ho appiccicato er gommino microscopico centrale. Pemmò l’ho ariparato, fino che la colla aregge. Vabbè, ho accomidato er tasto de lo spazzio.
So troppo forte!
🙂
Er Prèncipe de gesso che se trova’ accosto ar picci, co l’abbito bianco da sceicco me fa l’occhietto e se mette le mani su li fianchi …
Er Prencipe De curtis:
-Signòr Cencià, me song sbagliato, credèv ca’ te arrendevi!
La sora Cencia arza er cortello istesso a rimprovero e…
La sora Cencia:
-Me fa specie stai giorno e notte accosto a me, quarmente questione che m’arenno? Puro se er Gabbiano m’ha scritto che la corpa e sortanto epperché bazzico li folletti. In comincio me so’ fatta ‘na risata. Mo ho fatto l’immaggine ar picci me chiedo:”me sa che er Gabbiano cià puro raggione”. Totò, guarda la luce verde sur piccì che dichi è er folletto der picci, che s’è stufato de pija tutti sti corpi su la capoccia?
Totò:
-Credò e’ si, ci vuolè purè nu’ pò” e’ sostà nun si può martellàr tuttò o’ giornò, ogni tantu fermàt e piglia o’ respìr chi te corredietrò?
La sora Cencia:
-Nun me corre appresso nisuno, so sortanto io che ciò la smanià nun posso sta’ senza fa’ gnente. Da quanno so ita ‘n penzione speravo de annà a famme quarche giretto. Pe vedè quarcosa prima de partì pe l’urtimo viaggio. Ma sta crise m’ha guastato e modificato er seconno tempo der firme de la mi’vita. Vabbè, mo vado a sistemà tutti li libbri
puro loro gni tanto li devo sporverà, sinnò sai che zinfonia de stranuti. Ahò seppoi m’avanza er tempo ce famo ‘n’antra chiaccherata.
Totò:
-Fatti avanzàr nu’ po”’ de tiemp altrimènt me annoiò tuttò solò. Nun è facile trovare qualcun ca’ parlà cu e’ statuètt e’ gessò. Ciaò signòr Cencià.n

Annunci

3 thoughts on “Er sabbito e la dimenica

  1. Visto , carissima Franca , il tuo passaggio da me! Era la piattaforma in manutenzione che forse impediva l’accesso! E’ successo anche a me! Certo troppi commenti accumulati…sarebbe ora che scrivessi qualcosa , appena tornato all’Aquila! Laura ti ringrazia! Lucio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...