Er dialetto

anziana
La sora Cencia.

Er dialetto

Ner comincio c’éreno solo li gesti e certi soni de la gola e tutti s’intennevano.
Pe communicà bastò poco. Poi la lingua strada facenno se modificò. Fu ‘na misticanza de parole de latineria, greco, francesa… e tante antre.
Vabbè, so matasse da sbrojà.
Nun è facile parlà e capì tutte le lingue pe chi nun è annato troppo a scola.
Da regazzina tartajavo, ma me facevo capì bene quello che volevo.
Mo che so ‘na vecchiarella incora sveja, scrivo, parlo e l’inzogni spesso, me li ricordo e ce faccio li ricconti.
La matina quanno me svejo co tutte sti dialetti nun ce capisco gnente! So n’anticchia de romano, ‘n tantinello de itajano, quarche parola d’umbro, d’abbruzzese, de pujese e sortanto “the end” de ingrese. Quanno giro pe l’Itaja acchiappo ‘n tantinello de parole e faccio ‘n fricandò e detto a la francese ‘n pout pourri de parole.
Eppoi de le vorte quanno scrivo su er brogghe pe ride lasso perde er sor Belli e er sor Trilussa, pe certi Tri, e seguo sortanto l’istinto de la sora Franca Bassi co er dialetto “Bassiano”. Mica sò normale! Sò ‘n tantinello svarvolata, ‘na capoccia che nun riposa s’arrovella de idee e de parole nove, na spece de soffritto. Regà, ciò provato a smorzà sta vitalità, ma nun ce riesco de fà sta bono sto poro ciarvello.
Sò partita lemme lemme e strada facenno me sò detta: “vojo fà quarchecosa nova, nun vojo aricopià nisuno”. Quanno annavo a la scola e disegnavo bene pijavo débbole. Dicèveno che li disegni me li faceva quarchiduno. Sortanto io so li rospi e li bocconi amari che ho diliggerito pe le riffe che m’hanno fatto. E pe sta raggione vojo continuà a fà quarcosa de mio, puro se nun è gnente de speciale, ma è sortanto er mio. Vabbè, mettemo bono bono sur trono d’oro er sor Giuseppe Francesco Antonio Maria Gioachino Raimondo Belli pe la bravura, eppoi co tutti sti nomi me mette soggezzione e pe faje compagnia sur sofà de villuto ce mettemo er sor Carlo Alberto Salustri e tutti quell’antri poveti bravi. Regà, io me piazzo su la sediola de paja nell’angoletto, la sora Franca Bassi. E visto che stanotte ne l’inzogno un omo co li baffi tutto impettito da ‘na loggetta me chiamava “Cencia, Cencia” nun lo so epperché ma nell’inzogno me sò vortata como se me chiamava a me e l’ho puro salutato, ma mica lo conoscevo. Mo sto nome me sembra più adatto, lo pijo in prestito e quanno scrivo er vernacolo bassiano me firmo Cencia.
Mo da oggi in poi scrivo senza più regole, intanto nun me servono l’onori: quanno sò morta chi se ne frega! L’onore e la gloria pole servì quanno semo incora vivi. Ma su sta tera ce sta er costume che quelli istesso a me, li làsseno seduti su la sediola de paja a vita.
Ner creato du tipi strani seduti su ‘na nuvolata fanno ‘na chiaccherata…
Er sor Belli:
-Ahò Tri, ma che vò sta vecchiarella che sta seduta nell’ombra su la sediola?
Er sor Salusti j’arisponne:
-Gioacchì, nun te pija pena, je va de giocherellà! Me chiarisco, da regazzina la su nonna, donna Elisabetta, la chiamava Principessa, ma sto nome Cencia da indove sorte fora nun lo so. Ammazza quanta confusione. Sta nonna a sta cratura jà confuso la memoria. Eppuro donna Elisabbetta cresciuta co ‘na famija bona de Orvieto aveva studiato da le moniche. Forze co la guera se adeguata e pe protegge sti fijarelli, pe distralli, li faceva parlà co l’animali e co la natura e mo co l’anni comprendi? Pe sta poraccia sti ricconti sò diventati storie vere. Co la natura e co l’animali lei ce parla. È normale che drento la capoccia cià un pò de confusione. Gioacchì, làssala perde. Quanno ce verrà a trovà, armeno ce famo du risate, che co sti tempi quanno ariva quarcheduno so tutti quanti incazzati. De bono cià che se je cade su la capoccia ‘na breccola dice “aja” eppoi se fa ‘na risata, indove la trovi ‘na fèmmina ch’è filice de vive e puro de morì? Credimi Gioacchì, tenèmosela bona ce pole esse utile quanno ariva.
Er sor Belli:
-M’hai convinto, mo la proteggo, nun je faccio più li dispetti!
Er sor Trilussa:
-Come li dispetti!
Er Belli:
-Ciài raggione, chi semo noantri pe ostacolà sta vecchiarella. Nun fa male a nisuno, me devo vergognà de aveje fatto li dispetti. La notte quanno stracca se corcava io inzieme a ‘na cricca je facevamo ammischià l’inzogni. ‘Na vorta io er marchese der Grillo niscosti su la loggetta la chiamavamo “Cencia, Cencia” e ce nisconnevamo deretro la colonna. Poi io quanno ho sentito la voce che diceva: chi è che me chiama? So sortivo de fora, lei m’ha soriso e m’ha fatto un saluto co la mano. Tri, sta fèmmina nun la conoscevo. Sta porella m’ha fatto tenerezza e quanno la notte scriveva faticava faticava, puro se l’occhi je abbruciàveno nun se fermava. Ciaveva la pavura de diventà ceca. Allora lemme lemme je parlavo drento la capoccia. Lei se fermava eppoi continuava a scrive. Bisognerebbe premiarla sortanto pe la volontà e pe er sacrifizzio. Nun merito de sta a sto postarello indove ce la luce pulita. Mo vado da sor Pietro e me faccio bacchettà.
Speramo che nun pija er tortore puro se lo merito.
Trilussa:
-Gioacchì, ma chi so l’amichi de la cricca?
Giocchino:
-Quarche vorta ce stava Arbertone, co er sor Ardo e puro… l’antri nomi è mejo che me sto zitto sennò succede er seconno Giudizzio Univerzale.
Trilussa:
-Me fa spece de te Gioacchì t’ammischi a fà puro li dispetti?
Gioacchino:
-M’arincresce, te prometto che nun lo faccio più. Vabbè, annamo a fasse un giretto eppoi m’accompagni dar santo Pietro. La sora Cencia

Annunci

3 thoughts on “Er dialetto

  1. Franca carissima, grazie per il tuo passaggio da me e i saluti a Lauretta , che ti ringrazia e dice che “sei forte” ! Ma come prepari una torta e non e mangi un po? Dagli ingredienti penso sia squisita!
    Fantastico il tuo post e vedi che avevo ragione a dire che che sei la “Trilussa” attuale al femminile? E sai che sono sincero e obiettivo! Ti abbraccio forte , con affetto immenso! Lucio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...