Vecchi mestieri

Fratelli bassi
Immaggine:fotograffia de gruppo co li mi fratelli sur terrazzo de Urione Prati

Vecchi mestieri

Stammatina ‘na machina co er migrofono è passata sotto le finestre de casa. ‘Na voce de femmina communicava:
-Arrotino… se accòmida le machine a gasse, ombrelli e ombrelloni da mare, ciavemo li ricammi de ‘gni marca.
Seduta ar piccì de corpo, la mente mia è annata addietro a quanno a via De li Scipioni passava co ‘na bicicletta arruzzinita l’arrotino der momento. Quanti mestieri ne sti tempi modermi so spariti!
Er carretto co li bigonzi che venneva er vino a l’osteria der sor Pietro, l’abbacchiaro sotto casa co ‘na fila de abbacchietti appesi de fora, er pizzicarolo che venneva ‘na cartata de conzerva pe du sordi e noantri regazzini ‘na lotta pe annà a pijalla e pe la fame quanno s’arrivava a casa. Mi madre sortanto la carta ojata sporca de conzerva s’aritrovava su le mani. Er caretto che venneva le colonne de ghiaccio, er carbonaro, er cappellaro er barbiere “Figaro” a l’ommini je rigalava li calendarietti profumati de lavanna. Eppoi l’ometto all’angolo de via Ottaviano era la gioglia de li regazzini, venneva er castagnaccio, le mosciarelle, li bruscoletti e le fusaje. Quanti ricordi stammatina me so tornati drento la capoccia e grazzie a sti penzieri belli, posso annà co la fantasia addietro ner tempo. Cencia

Ricordi

Rivedo ‘na regazzina
co l’abbito azzuro de la festa.
A ruzzà su er marciapiede
de sotto casa.
Sartella filice co l’amichi.
Quarchiduno gioca a campana.
Antri co li piattini de latta.
Chi co le figurine panini
oppure a corda tamburella.
Mentre le palline colorate
ruzzolano e se perdono
sverte drento li tombini
e daje a piagne sti regazzini.

Cencia (franca bassi)

Annunci

6 thoughts on “Vecchi mestieri

  1. I tuoi ricordi sono molto vividi; i miei si sono offuscati un po’. Dovrei pensarci su e forse ne uscirebbe un bel post. Mi ricordo bene di un pescivendolo che con le cassette sulla bicicletta gridava “pesci, rane..” Sai, qui vicino ci sono le risaie e le rane abbondavano, costavano poco, si mangiavano intere, fritte. Ora forse sono scarse per via dei pesticidi e costano carissime.
    Un saluto cara Franca.
    Paola

  2. Quell’arrotino d’una volta lo agganciavi subito, se ne avevi bisogno, ma ste macchine che passano veloci chi le acchiappa, se hai bisogno di arrotare un paio di forbici? Prima che fai in tempo a prendere le forbici scognate e scendere in strada la macchina è già al quartiere successivo, mmah…

  3. Ovviamente , carissima Franca,ricordo anch’io il passaggio dell’arrotino sotto casa, delle contadine con gli “olaci”, o il “riniccio” (antesignano dei detersivi) e i tuoi versi e ricordi in vernacolo me li hanno riportati alla mente! complimenti sempre , con un abbraccio! Lucio

  4. Gli ‘olaci’ ce so ancora e m’aspettamo pe ‘na bona magnata! Appena l’urtima neve se scioje crescono indove hanno stazzato le pecore. Pe il ‘riniccio’ è la prima vorta che lo sento. Ar paese de mi madre c’era la soda, la cenere pe er bucato e l’acqua de le verdure pe lava li piatti. Nun se specava gnente. Mo semo signori co le pezze ar culo ma, ciavemo ‘na montagna de deterzivi, ammorbidenti vari. Caro Lucio nu te sembra che ce so troppi prodotti. So boni pe inquinà l’acqua der mare e sti pori pesci da la bocca quanno respirano fanno le bolle de sapone.

  5. e, insieme ai tuoi ricordi, che sono anche i miei, ricordo che veniva a casa l’ovaiolo con una specie di cartella bella grande tutta piena di uova e…miracolo! non avevano data di scadenza ma bastava aprirle e guardarne il colore e sentirne il sapore per capire che erano freschissime.
    E magari – nei giorni di festa – una bella grattachecca all’amarena!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...