Tra poco cento anni

Cera ‘na vòrta e c’è sta’ incora… ‘na vallata ricca de sole, tanti arberi d’ulivo, de pesche e de cerase. Su er pendio de la valle, ce sta ‘n casale antico co’ tanta storia. Le pareti so’ pitturate der colore de la bricòccola fatta, quanno ariva la primavera intorno ‘n ventàjo de colori e de fiori. Giù pe la valle ce senti d’odore de la mentuccia de trosmarino servatico, ce trovi puro erbétta bòna e purtoppo puro la gramigna cattiva.
Ero regazzina quanno la mi pòra nonna Betta se riccomannava de difenne la natura e de sta’ ariguardo a l’orchi e a le streghe co l’abbiti da pecorelle. Ero troppo ciuca pe capi’ er significato de le su’ parole. Mo che l’anni so volati svérti svérti m’aritrovo a rifrètte, seduta sotto l’arbero der vecchio pero. Me riccomanno a li folletti amichi de damme ‘na mano pe controllà l’orchi che gìreno intorno a sta valle.
La pòra nonna aveva raggione, mo ho magnato la fòja e so er significato de le su’ riccomannazzioni.
Pe anni, accosto a la casa color bricòccola ce svolazzavano farfalle, ucelli de tutti li colori. Loggétte piene de fiori odorosi e la natura de l’arberi era rigojosa.
Mo ner celo ce so’ rimasti solo stormi de corvi neri neri. Tutto cresceva e sprofumava de vita, ma ‘n giorno arrivò ‘n orco che odiava l’arberi e quanno la luna se nisconneva, lui piano piano, uno pe vòrta, li seccava. Sti pori arberi avevano finito de vive. Sconfortata sola so’ scappata impaurita da sta terra bella. ‘Gni vorta che annavo pe vede che succedeva er core me se strigneva. Poi grazzie a un folletto bono, m’ha convinto a ritorna’ pe difenne sta terra antica.
Me rivorsi a l’esperto folletto capo dei saggi de la terra rossa de Ceglie e a le fate de li fiori, tutti ‘n coro me dissero ”Nun te preoccupà Principe’, prima oppoi tuttoquanto torna  ar posto suo. Devi torna’ a vive ne la valle e devi sta’ vicino ar Folletto più anziano”.
Dopo mesi, antri folletti e fate che amano la natura so’ arrivati da le terre a la larga.
‘Gni giorno fatigano e lottano pe  mette ordinazzione e regole de politica, a tutti patti lo fanno pe amore de la terra.
Glieri er campanaccio de la granne montagna che se trova ne la cucina der casale s’è messo a sona’ da solo. ‘N principio me so’ presa spavento, ho immagginàto ar teremòto. Mo quanno sona, me fa piacere (è solo pe famme capi’ che nesta lotta nun so sola).
L’arbero de bergamotto che sembrava ‘n arbero morto, mo è ricco de nove gemme, pronte a regalamme novi fiori e frutti, pe fa’ er rosòjo.
Er folletto de la maggia ma rigalato ‘na formula fatata pe fa’ torna’ tutto quanto ar posto suo.
Quanno c’è la luna piena pe purifica’ la valle devi sparge…
“’N pugno de terra rossa de l’antica terra de li Messapi, ‘n pugno de porvere de stelle e ‘na bottija d’acqua de l’antica terra de Tuscia… e quanno la luna è tonna vedrai che la terra degli antichi Sabini ritornerà mònna.
‘Sto lo devi fa pe ‘n anno. E quanno er folletto più vecchio fa cent’anni, je devi fa’ ‘na granne festa, senza invita’ chi nun rispetta li folletti anziani e la natura.”
Tra quarche giorno er folletto anziano compie cent’anni, ne la valle se fa festa granne, sono invitate le fate e li folletti boni. Ner celo so’ ritornati l’ucelli colorati e so’ spariti li corvi neri.
C’è er musicaròlo, li figuranti e li poveti che ricconteno la storia bella de la vita e de la terra.
Auguri

Folle’, so’ solo cento
l’anni che t’aritrovi.
Puro se nun ciai li denti
magni… bevi e fumi
a la salute de noantri.
Mo che hai un secolo
te piaciono…e te voi fidanzà
co du tardone.
la mora e la bionna.
T’ho rigalato quarche soriso
pe tant’anni t’ho voluto bene
e te ne vojo incora…
Bravo folle’
tieni er grugno duro
co chi te vole fa male
dije:
che a sta valle
ce servono l’ommini boni
pe mette’ l’arberi e le cose
ar posto suo.

franca bassi

Annunci

8 thoughts on “Tra poco cento anni

  1. Tantissimi auguri anche da parte mia !
    100 è un bel traguardo !!!
    Ti mando un abbraccio e un augurio per la Pasqua !!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...